Un caso di Dengue a Jesi e uno anche a Firenze: disinfestazione contro le zanzare

Fastidiosissimi insetti presenti ovunque, le zanzare hanno nel corso degli anni subito un’evoluzione che le ha rese più potenti e pericolose.

Fino all’inizio degli anni Duemila le razze di zanzare presenti nel nostro territorio erano poche e potevamo fare affidamento su alcune abitudini standard di questi piccoli animaletti che permettevano di difendere le nostre case e chi le abitava, fossero essi umani o animali domestici. Era noto che la mattina si poteva tranquillamente cambiare l’aria in casa, le zanzare non sarebbero arrivate prima del tardo pomeriggio per scomparire prima dell’alba. In inverno poi non se ne vedeva una. Ora purtroppo non è più così: le varie razze si alternano garantendo la loro fastidiosa presenza per l’intera giornata ed in qualsiasi stagione.
Infatti, col passare degli anni, altre razze hanno fatto il loro ingresso nella nostra penisola, a partire dalla zanzara tigre fino alla comparsa di specie addirittura foriere di malattie ormai estinte o mai state presenti nel nostro Paese.La zanzara tigre si è dimostrata da subito molto più aggressiva rispetto alle tipologie già presenti in precedenza. Sicuramente meno rumorosa ma molto più irritante: ancora prima che inizi a pungere, al solo appoggiarsi sulla pelle già dà fastidiosi rush cutanei accompagnati da forte prurito.
Poi l’arrivo delle zanzare migratrici che hanno portato svariate malattie compresa l’ormai estinta malaria, fino ad i recenti casi di Dengue che hanno colpito a Firenze e a Jesi.L’idea che una puntura di zanzara possa far venire la Dengue, malattia che per altro può assumere risvolti anche gravissimi a seconda della forma dalla quale si viene colpiti, ha scatenato una reazione di paura e indotto la popolazione a cercare soluzioni sempre più efficaci per proteggersi.

In primo luogo molti Comuni italiani hanno provveduto ad attivare o intensificare i servizi di disinfestazione dalle zanzare agendo prevalentemente sulla distribuzione di pasticche o polveri anti-larvali nei depositi di acqua stagnante come tombini e caditoie. In particolare le aziende che si occupano dello smaltimento dei rifiuti, hanno istituito un vero e proprio servizio adibendo del personale solo ed esclusivamente allo svolgimento di questo compito.

La situazione sicuramente migliora ma questo tipo di disinfestazione non può essere esaustiva per svariati motivi. Prima di tutto in questo modo vengono colpite le larve ma non gli insetti e poi l’azione si limita ai depositi di acqua stagnante che si trovano a bordo strada, appunto tombini e caditoie.
Si ricorre quindi ad altri metodi per proteggersi dalle zanzare: zampironi, fornellini, vari spray e candele alla citronella, fanno ormai parte integrante dell’arredamento di tutte le case.

Tutti questi rimedi però contengono elementi chimici che risultano alla lunga tossici anche se in misura ridotta, sia per le persone che per gli animali domestici che vi si trovano a contatto anche solo olfattivo.
Gli zampironi ad esempio, odore immancabile d’estate sia al mare che in città, per quanto si possa pensare sia naturale, contiene in realtà componenti tossiche che sono nocive per l’uomo e per gli animali domestici. La combustione poi non è sicuramente particolarmente sana per la salute infatti tra le raccomandazioni della casa madre, c’è quella di utilizzarli sempre e solo all’aria aperta.
Addirittura negli spray anti-zanzare che nascono specificatamente per neonati e bambini piccoli, andando a leggere attentamente la composizione chimica, si possono individuare elementi assolutamente non naturali che possono avere risvolti tossici o anche semplicemente irritanti.
Senza considerare la sensazione di fastidio di questi liquidi spruzzati addosso che spesso creano un fastidioso prurito che talvolta fa preferire la puntura delle zanzare.
Gli anti-zanzare che veramente sono innocui per persone e animali invece sono quasi sempre totalmente inefficaci per la lotta ai fastidiosi insetti. Alcuni rimedi poi appartengono probabilmente solo alla tradizione popolare senza alcun risvolto scientifico come ad esempio piantare gerani o basilico nei balconi. Queste coltivazioni promettono di allontanare le zanzare ma chiunque abbia provato può testimoniare che sono totalmente inefficaci se non rappresentano addirittura una sorta di attrazione per gli irritanti animaletti volanti.

Ma c’è una bella notizia: il rimedio efficace ed innocuo esiste davvero e si chiama piretro.
Questo elemento è totalmente naturale, funziona molto bene anche a bassissime concentrazioni sconfiggendo le zanzare e lasciando assolutamente intatto e sano tutto il resto compreso l’ambiente che non viene inquinato da insetticidi più o meno velenosi.

Il sistema più efficace di distribuzione è la diffusione per nebulizzazione.

L’impianto anti-zanzare Izanz funziona diffondendo una soluzione liquida con piretro all’1% attraverso un impianto composto da un tubo principale munito di ugelli a distanze cadenzate. Il sistema è attivato da una centralina elettronica programmabile che rende tutto l’impianto totalmente automatizzato.
Data la percentuale di prodotto che è bassissima, si parla addirittura del consumo di un litro di piretro ogni 4 mesi, anche il costo risulta molto basso. Il risultato è di una disinfestazione naturale, a bassissimo costo e senza impatto ambientale.Particolarmente adatto per giardini e terrazzi, si parla di 10 ugelli per coprire un’area di 100 mq. La nebulizzazione del prodotto che viene diffuso nell’aria, forma una sorta di muro virtuale lungo tutto il perimetro dell’area interessata che impedisce l’ingresso di qualsiasi tipo di zanzara poiché il piretro risulta terribilmente insopportabile per questi insetti.
Per ottimizzare le prestazioni, la soluzione ottimale è di due nebulizzazioni al giorno, una al mattino e una alla sera. Come già detto l’impianto è dotato di una centralina programmabile quindi, una volta impostati gli orari preferiti, questa provvederà in autonomia a far partire il ciclo di diffusione.Questa soluzione è particolarmente interessante in quanto l’anti-zanzare Izanz è veramente risolutivo. È sicuramente desiderio di tutti potersi riappropriare, soprattutto nella bella stagione, di terrazze e giardini. È veramente sgradevole possedere uno spazio così piacevole e non poterne usufruire perché costantemente disturbati da questi insetti.
La disinfestazione mediante l’utilizzo di questo dispositivo invece cambia completamente le cose perché il piretro, elemento assolutamente naturale, agisce veramente solo contro le zanzare. Basti pensare che anche le preziosissime api sono immuni a questo particolare insetticida.
L’unica difficoltà è che la sua durata è limitata nel tempo. Il piretro infatti, essendo totalmente naturale, tende a dissolversi e con la sua dissoluzione anche l’effetto insetticida inesorabilmente scompare.
La soluzione a questo problema sta nella diffusione programmata che, in maniera semplice, senza aggravio di fatica per nessuno rende costante la quantità di piretro necessaria a svolgere la sua preziosa azione.

Il problema zanzare si può dire così risolto per sempre.

Post suggeriti
0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca