Posts Tagged: difesa zanzare

Disinfestazione zanzare subito

Disinfestazione zanzare. Due parole che dicono l’urgenza di liberarsi dal tormento delle zanzare nel proprio giardino. Cliccate sopra  su  iZanz  oppure andate su    www.izanz.com     o anche      www.izanz.it      per sapere  subito  come fare.

Oppure continuate a leggere qui per essere informati sulle differenze tra le disinfestazioni comuni e la nuova disinfestazione zanzare che riesce a liberare i giardini e anche le case cui i giardini appartengono dall’assalto di questi insetti. Noi usiamo l’espressione sintetica “disinfestazione zanzare” per esprimere questa novità. E’ un’etichetta del nuovo. Le comuni disinfestazioni contro le zanzare le eliminano provvisoriamente per poco tempo, innettendo nell’ambiente forti quantità di insetticida, preferibilmente sintetico perchè dura di più, senza riuscire a mantenere l’ambiente libero da zanzare se non al costo di ripetuti interventi con forte impatto ambientale.

Disinfestazione zanzare è basata su un principio totalemente diverso: elimina o allontana le zanzare che pretendono di entrare nell’area protetta. Usando pochissimo insetticida naturale. Noi consigliamo il piretro naturale estratto da un fiore, un’Asteracea che assomiglia a una grande margherita, Pochissimo piretro che si distrugge alla luce del sole in mezza giornata senza residualità. Per due minuti al giorno, uno la mattina  euno la sera. Acqua e piretro all’1 % nebulizzate per un minuto difendono il giardino per circa 12 ore, Successivamente entra in funzione per un altro minuto la nuova “disinfestazione zanzare”.

Come accade ciò? Prima abbiamo detto che l’acqua e il piretro vengono nebulizzate. Infatti il sistema “disinfestazione zanzare” crea una barriera ai confini del giardino dove ugelli con un piccolo foro, 0,3 mm, alla pressione di 18 bar emettono una nebbia sottile, molto leggera che si diffonde nell’ambiente e soprattutto ai suoi margini. Solo una nebbia così leggera può diffondere la soluzione di acqua e piretro in modo omogeneo da creare una barriera antizanzare.  Per due minuti al giorno: pochissimo insetticida e, continuità: questo è il principio efficace su cui si basa “disinfestazione zanzare”..

 

 

 

 


Continue Reading

I ragnetti contro le zanzare

I ragnetti contro le zanzare. I ragnetti saltatori (salticidae) possono acchiappare le zanzare e mangiarsele. Quindi se vediamo uno di questi piccoli ragni dall’aspetto feroce fare rapidi movimenti, per esempio, sulle nostre finestre, prima di scacciarli o schiacciarli, pensiamo che ci difendono, nel loro piccolo, dalle zanzare. In un ambiente sperimentale preparato per la ricerca ragni della specie Plexippus paykulli hanno mangiato sei zanzare in un giorno i maschi e le femmine nove. La predeazione è in relazione, ma non significativa, con la densità delle zanzare nell’ambiente.

Questi ragnetti saltatori danno un contributo commisurato al loro numero al controllo delle zanzare nell’ambiente. Perchè fossero davvero efficaci ne occorrerebbe fevorirne la riproduzione. A giudicare dalla numerosità delle zanzare, per esempio nelle nostre zone, ne occorrerebbe una grande quantità, che però sarebbe probabilmente una presenza non gradevole, anche se questi ragnetti sono innocui per gli umani e non tessono tele per cui non creano lo sporco ad esse dovuto. Il problema del contrasto biologico verso una specie impiegandone un’altra che ne è predatrice ha spesso conseguenze negativae, in questo caso l’innocua ma probabilmente fastidiosa .presenza di tanti agnetti mangia-zanzare.

I ragnetti contro le zanzare

I ragnetti contro le zanzare


Continue Reading

Il MIT e altri sul controllo genetico delle zanzare

Il MIT e altri sul controllo genetico delle zanzare. Con la collaborazione del Massachussets Institute of Technology è in corso una ricerca interdisciplionare volta ad utilizzare una tecnologia emergente, denominata “gene drives”, che potrebbe condurre al controllo delle specie di zanzare più invasive. In questa ricerca sono coinvolti la Harward Medical School, il Wiss Institute presso la stessa Università, La Boston University, la Arizona State University, oltre al MIT.

Lo scopo è di eludere i sistemi di riproduzione sessuale delle zanzare e la trasmissione genetica alle nuove generazioni. L’idea di modificare geneticamente le zanzare non è nuova, ma la ricerca delinea una tecnica fattibile per produrre cambiamenti genetici trasmissibili alle successive generazioni di zanzare e quindi controllarne la diffusione. Il tentativo è molto interessante e procede per tecnologie in passato non disponibili. Il piunto è, sul piano pratico operativo, realizzare la massa critica di zanzare geneeticamente modificate tale da intercettare significativamente le capacità riproduttive delle zanzare selvatiche presenti in una area sufficientemente grande da offrire risultati apprezzabili nel controllo di questi insetti.

Il MIT e altri sul controllo genetico delle zanzare

Il MIT e altri sul controllo genetico delle zanzare

 


Continue Reading

Il giardiniere di Roberto Baldacci, installa izanz per liberare i giardini dei suoi clienti dalle zanzare

L’ azienda Il giardiniere di Roberto Baldacci è un’impresa familiare nata nel 1996 e molto attiva su tutto il territorio toscano. Il titolare Roberto, perito agrario dal 1978, svolge questa attività con passione e impegno, collaborando frequentemente con agronomi, dottori forestali, paesaggisti, vivaisti e tecnici dell’irrigazione. L’azienda è impegnata in particolar modo nella creazione di nuovi spazi verdi, dal giardino medio-piccolo alle grandi superfici; Da due anni installa impianti anti zanzare per giardini con grande soddisfazione della clientela che finalmente può godersi il proprio giardino libero dalle noiosissime zanzare. www.baldaccigiardini.com


Continue Reading

Zanzare Sant’Agostino e la creazione.

Agostino di Ippona nel suo De Genesi contra Manichaeos, scritto tra il 388 e il 390, rispondeva con semplicità alla loro domanda: che bisogno c’era che Dio creasse tanti animali che  sono dannosi agli uomini o addirittura da temere? Per esempio le zanzare. “Confesso di non sapere perchè sono stati creati i topi e le rane, le mosche  o le zanzare, ma vedo che queste creature sono belle nel loro genere” Alla convinzione manichea che esistesse un Creatore malvagio, un Principio del Male che si opponesse al Bene, contrapponeva la teoria della unicità del Dio creatore e della impossibilità per l’uomo di comprendere la complessità del suo disegno. Allora si può fare disinfestazione zanzare?

Disinfestazione zanazare? L’avrebbe gradita Fulgenzio di Ruspe, contemporaneo di Sant’Agostino, che sostenne  scrivendo Dell’incarnazione del Figlio di Dio, in cui trattava anche della creazione degli animali delle specie di più basso livello (è difficile tradurre vilis riferito alla classificazione degli animali) che le zanzare sono state create da Dio, non dal diavolo come sostenuto dai manichei. E monsignor Sarnelli, dottore in teologia, sosteneva tredici secoli dopo che Dio, quando fece compiere ad Aronne il miracolo della moltiplicazione delle zanzare in Egitto, lo fece per far comprendere che le zanzare erano sue creature su cui Egli solo aveva potere, “Acciocché,” scrive, “non si dicesse che besitiola tanto insolente, tanto molesta, tanto avida di sangue ummano, fosse cosa diabolica, non volle Dio che i maghi del Faraone sulle zanzare avessero potenza alcuna”. Se avesse avuto a disposizione disinfestazione zanzare sarebbe stato più contento.

I problemi connessi alle zanzare nel medioevo non erano compresi come oggi. La disinfestazione zanzare non era pensabile, non si conosceva l’origine delle malattie contagiate dalle zanzare e da queste non c’era difesa. Niente disinfestazione, quaklche protezione insufficiente. Il problema che si ponevano Agostino e Fulgenzio era perchè Dio avesse creato creature tanto fastidiose e importune, non potendo sapere ancora che sono anche pericolose per luomo, per esempio che la malaria è dovuta alla inoculazione del plasmodio nel sangue umano da parte della zanzara anofele..


Continue Reading

Disinfestazione zanzare Bibbia

Disinfestazione zanzare Bibbia. Questione di biblica antichità. Veramente le zanzare sono state sempore una piaga per l’umanità, molto pià di quanto si credesse nell’antichità. Che fossero però un assillo di difficile sopportazione è sicuro. Non per caso la Bibbia nell’Esodo (8,3)  narra della terza piaga inviata dal Signore sull’Egitto perchè il Faraone non voleva liberare dalla schiavitù il popolo di Israele. Questa terza piaga furono le zanzare. Il Signore disse a Mosé: “Comanda ad Aronne: stendi il tuo bastone, percuoti la polvere della terra, essa si muterà in zanzare in tutto il paese d’Egitto”. Così fecero: Aronne stese la mano con il suo bastone, colpì la polvere della terra e tutta la polvere del paese si era mutata in zanzare in tutto l’Egitto …e le zanzare infierivano sugli uomini e sulle bestie. Altri che disinfestazione zanzare!

L’invasione delle zanzare era dunque veramente considerata una piaga, una condanna. Anche senza arrivare alle dimensioni narrate dalla Bibbia, che però non sono lontane da realtà come quella delle cosiddette zanzare migratrici. Per esempio le Coquillettidia richiardi, che da un habitat riproduttivo come risaie o aree lacustri di bassa profondità e con vegetazioni a sottili canneti si muovono a sciami per andare a fare il pasto di sangue anche volando per chilometri e poi scendendo rapidamente verso il basso e invadendo la zona scelta in base a non ben conosciuti segnali con migliaia di esemplari che assalgono le persone presenti costringendole a rifugiarsi al chiuso. Esse pongono un non semplice problema di disinfestazione zanzare.

Erano forse zanzare come queste cui il testo biblico allude? Si può ragionevolmente desumere che le zanzare, anche in condizioni normali, fossero considerate una persecuzione per gli umani, cosa molto spiegabile in un ambiente come l’Egitto dove periodicamente il Nilo esondando nella pianura rendeva fertili i campi, ma anche creava un ambiente caldo umido con ampie distese di acque ferme perfetto per la riproduzione di milioni di zanzare.  Moltiplicarle era moltiplicare un tormento reale. Disinfestazione zanzare era allora una impossibilità. Fuga o rassegnazione. Disinfestazione zanzare era a quei tempi una mera fantasia.


Continue Reading

Disinfestazione zanzare biblica

Disinfestazione zanzare biblica, questo avrebbero voluto gli egiziani quando Dio diede un ordine e … vennero … le zanzare in tutto il paese”. Ma non potevano eseguirla, non solo perchè si sarebbero posti contro la potenza di Geova, ma anche perchè non sapevano proprio come farla. Il Salmo 104 racconta che dio le mandò sull’Egitto insieme a cavallette, bruchi e grandine  perchè il Faraone non voleva liberare gli Israeliti dalla schiavitù. Evidentemente le zanzare anche in tempi biblici erano considerate tormentose piaghe da cui non sapere come difendersi, non essendoci a quei tempi la tecnologia e le conoscenze entomologiche che permettessero di eseguire una adeguata disinfestazioni zanzare. Del resto se le zanzare spedite con un ordine di Geova sugli egiziani assomigliavano alle zanzare capaci, solo alcune specie, di volare per decine di chilometri ogni sera in sciami fitti per poi calare all’improvviso tutte insieme a nuvole è comprensibile che il loro arrivare innumerevoli  fosse considerato una temibile piaga, specialmente nelle zone attraversata dal Nilo, ambiente particolarmente idoneo alla vita delle zanzare, alla loro riproduzone, essendo caldo umido, in particolare al ritrarsi delle acque delle esondazioni periodiche del Nilo. l’ambiente favorevole non poteva essere contrastato con opportune disinfestazione zanzare capaci di almeno arginare l’invasione di questi insetti.A quei tempi non si conosceva la correlazione tra la presenza di zanzare e malattie gravi come le febbri malariche, tra cui la perniciosa dovuta alla inoculazione nel sangue mediante la puntuta della zanzara anofele del plasmodium falciparum, protozoo parassita. Ciò che era temuto era l’assalto contemporaneo di innumerevoli zanzare, cosa che si verifica anche oggi.con le migrazioni serali della Coquillettidia richiardi contro le quali sono in difficoltà anche il tipo di disinfestazione zanzare contemporaneo. Confrontabile con le migrazioni bibliche il comportamento dell’Ochlerotatus caspius una zanzara delle famigkia delle Culicidae capace di volare per fare il pasto di sangue una dozzina di chilometri dal luogo di riproduzione. In questi casi la disinfestazione zanzare è problematica al loro arrivo: occorre provvedere nei luoghi di riproduzione.

 


Continue Reading

Zanzare antichi rimedi

 

  • Zanzare antichi rimedi. Quando Pietro Paolo da Sangallo pubblicò nel 1679 le sue ricerche sulla generazione delle zanzare, aggiunse alcune note sui modi antichi e a lui contemporanei di disinfestazione zanzare, che egli consigliava di non prendere sul serio, essendo piuttosto da riderci sopra.  Elenchiamo qui di seguito questi – zanzare antichi rimedi -.

  • Plinio consiglia di ungersi ogni sera tutto quanto il corpo con olio di assenzio come protettivo antizanzara, in quanto alle zanzare, sembrava, non piaceva l’assenzio.
  • Emilio Macro preferiva invece bagnarsi nel vino in cui era stato bollito dell’assenzio perchè, oltre all’assenzio, alle zanzare non piace il vino.
  • Nella categoria zanzare antichi rimedi era considerato potente il cumino, purchè ben masticato e sciolto nella saliva, con cui bisognava impiastriccirsi la faccia, le braccia e altre parti del corpo. Volendo era possibile impiastricciare  con questa rimasticatura diluita nel vino porte, finestre, o anche pareti della casa, facendo così la disinfestazione zanzare.

  • Secondo Galeno funzioneva contro le zanzare il decotto di frutti di tamarindo.
  • Consigliato nella categoria zanzare antichi rimedi era un decotto di ruta, nigella con aggiunta di ginepro e vitriolo (non sappiamo cosa si intendesse per vitriolo, se solfato di ferro o di rame, o addiritura acido solforico).
  • Alcuni consigliavano un guazzabuglio di olio, aceto, salvia e incenso come efficace eliminatore di zanzare.
  • Per alcuni erano da preferire le ghirlande di fiori, o meglio ancora una spugna imbevuta di aceto appesa nella stanza perchè attirava le zanzare uccidendole, Ma, osservava Pietro Paolo, le zanzare attirate trovavano prima l’uomo che la spugna (come i moderni attrattori per cattura).
  • Poi nella categoria zanzare antichi rimedi si poteva trovare il ricorso a un pelo di cavallo, ad affumicare la casa e alla fine alla magia supremo mezzo di disinfestazione zanzare.
  • Tutte sciocchezze, scriveva Pietro Paolo, l’unico rimedio sono le zanzariere attorno al letto. Tra zanzare antichi rimedi era quello che almeno consentiva di per riuscire a dormire. Il problema oggi non è molto diverso, solo che abbiamo possibilità di affrontarlo mediante le nostre attuali conoscenze scientifiche: entomologiche, chimiche, elettromeccaniche. della fisica dei fluidi. Disinfestazione zanzare oggi è il risultato delle nostre conoscenze in questi campi della scienza e della tecnologia, Gli impianti fissi antizanzare iZanz ne sono un esempio di assoluta efficacia.


Continue Reading

Disinfestazione zanzare e Sangallo

Disinfestazione zanzare e Sangallo, fantastiche, di altri tempi. Ammiano Marcellino nelle sue Res gestae libri XXXI narra che nella Mesopotamia le zanzare assaltavano i leoni con tale voracità che questi grandi felini erano costretti a tuffarsi nelle profondissime acque dei fiumi  per liberarsene. Questa informazione, che ci giunge dal IV* secolo, a noi appare abbastanza stupefacente e poco credibile, ma dà l’idea di quanto fossero temuti questi insetti nell’antichità.

Alcazuino,   naturalista arabo, paragonò le zanzare a minuscoli elefanti con le ali, a causa della loro temibile proboscidina, ponendosi  domande curiose e interesanti sul loro comportamento.   Disinfestazione zanzare in questo caso sarebbe stata problematica.    Nessuno in duemila anni  aveva posto in dubbio la validità della teoria di Aristotele,  esposta nella  sua Storia degli animali, della generazione spontanea degli insetti . In particolare si riteneva che le zanzare si generassero spontaneamente dalle acque putride.  Il concetto di disinfestazione zanzare non esisteva: si cercava di capire come si generassero questi fastidiosi insetti alquanto ipoteticamente. Solo nella seconda metà del ‘600, un allievo di Francesco Redi che già aveva fatto studi del tutto innovatori sugli insetti, Pietro Paolo da Sangallo, tormentato una sera del 1679 insieme ad amici con cui stava conversando in piazza di Santa Maria del Fiore a Firenze da una moltitudine di zanzare, decise di investigare  su come si generassero, non credendo alla teoria della generazione spontanea. Queste osservazioni sono la lontana origine delle conoscenze entomologivhe che oggi consentono di capire il ruolo di veicolo di malattie e  la possibilità di disinfestazione zanzare. Pose dentro due recipienti di vetro chiusi acqua prelevata da zone dove ristagnava e si mise ad osservare le forme di vita che vi si manifestavano. Osservando scoprì  che alcune zatterine di piccoli semini  scuri erano costituite da uova e che da esse nascevano larve, che ancora non sapeva che fossero di zanzara finché, dopo il passsggio in pupe vide rompersi queste ed apparire le zanzare già interamente formate.   “Le zanzare non nascono spontaneamente dalla putredine ma dalle uova delle loro madri …  sono minutissime, contenute dentro una navicella … nelle acque stagnanti, da quelle uova nascono altrettanti vermi i quali … dopo alcuni giorni mutano di figura e dopo altri giorni squarciandosi la loro pelle ne scappano fuora le zanzare”.        Dai disegni di Pietro Paolo si vede chiaramente che le larve hanno il sifone respiratorio nella parte posteriore e quindi si trattava molto probabilmente della culex pipiens, la nostra zanzara comune, che oggi ha trovato un tremendo competitore nella zanzara tigre, più aggressiva. Ai tempi di Pietro Paolo non si conoscevano efficaci metodi di disinfestazione zanzare, per cui ci si affidava ai procedimenti di disinfestazione zanzare più fantasiosi e sicuramente inefficaci, di alcuni elencati da lui stesso con il consapevole scetticismo di chi applicava  alla conoscenza l’osservazione scientifica.

Disinfestazione zanzare e Sangallo


Continue Reading

Disinfestazione zanzare e la pazienza

Disinfestazione zanzare e la pazienza, un tempo non essendo possibile occorreva avere pazienza. Dover tollerare l’assalto delle zanzare bisognose di sangue è da sfortunati, se non si può fare una disinfestazione zanzare. Sopportarlo con pazienza e quasi con benevolenza verso questi insetti è da santi, appunto. Si legge nella “Introduzione alla vita divota” di san Francesco di Sales, pubblicata a Roma nel 1706: Orvia, dunque, in quanto a quelle piccole tentazioni di vanità, di fofpetto, di triftezza, di invidia, di amoretti che come mofche e come zanzare ci si aggirano continuamente d’attorno pizzicandoci in una guancia, talora in fronte, talvolta sul nafo … la migliore resistenza … è il non anguftiarfene di soverchio”.    Ma come si fa a non anguftiarsi quando si è assaliti dalle zanzare e dalle peggiori, le zanzare tigre?  Come si fa a non desiderare una disinfestazione zanzare che faccia piazza pulita di questi insetti?   Evidentemente il Santo lasciava  che quelle creaturine lo pungessero sul naso, ma i non santi sono costretti a desiderare la disinfestazione  zanzare, a volere lo sterminio di questi ditteri, a spiaccicarle sul muro, a disinfestare case e giardini, a difendere i bambini dalle punture di zanzara tigre, a immaginere un mondo senza zanzare, tigre o culex pipiens che siano, o egizie.     Nel XVII° secolo non c’era difesa dalle zanzare e forse non restava che rassegnarsi ad esse come consigliava San Francesco di Sales, invece di arrabbiarsi inutilmente.     Ma oggi ci si può difendere con una buona disinfestazione zanzare. Oggi è possibile difendersi dalle zanzare efficacemente e senza interventi invasivi dell’ambiente con un nuovo sistema che non avrebbe costretto Francesco di Sales a dichiarare che l’unica difesa è il non prendersela e sopportarle sviluppando la resistenza della pazienza. Oggi la conoscenza del comportamento degli insetti, la loro biologia, lo sviluppo della chimica e della dinamica dei fluidi ci ha consentito lo sviluppo di un sistema fisso di disinfestazione zanzare che senza impatto negativo ambientale ottiene il risultato di liberare l’ambiente protetto dall’invasione di questi insetti, finalmente, per esempio, potendo stare nel proprio giardino senza esserne assaliti

Disinfestazione zanzare e la pazienza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

x

 

 

 

 

v

 


Continue Reading