Quanto vivono le zanzare?

Ma quanto vivono in realtà le zanzare? Insetti fastidiosi, e compagne spesso delle estati di molti italiani, le zanzare sembrano essere eterne. Ma quanto vivono in realtà le zanzare? Esse, infatti, come tutti gli altri esseri viventi hanno un ciclo […]

Ma quanto vivono in realtà le zanzare?

Insetti fastidiosi, e compagne spesso delle estati di molti italiani, le zanzare sembrano essere eterne. Ma quanto vivono in realtà le zanzare?

Esse, infatti, come tutti gli altri esseri viventi hanno un ciclo di vita, che può avere una durata variabile a seconda di quelle che sono le condizioni ambientali e anche della presenza di eventuali predatori.

Ecco, quindi, tutte le informazioni in merito alla vita di una zanzara.

Quanto possono vivere le zanzare?

Conoscere il ciclo vitale delle zanzare è utile per molte ragioni, ma soprattutto per poter programmare delle disinfestazioni che siano efficaci al punto giusto.

Alcuni tipi di intervento dovranno essere realizzati prima che le zanzare arrivino all’effettiva maturazione, in modo da “stroncarle” prima che queste possano iniziare a colpire, per esempio attaccando le larve mediante un batterio che le uccide, il Bacillus turingensis.

Generalmente le zanzare femmine hanno una vita più lunga rispetto a quella dei maschi.

Una zanzara femmina può vivere anche quattro o cinque mesi, a seconda di differenti fattori che possono intervenire.

Ad esempio, tante zanzare possono sopravvivere anche in autunno nelle nostre case a causa della presenza del riscaldamento.

La zanzara maschio, invece, è più sfortunata, in quanto in genere esaurisce il proprio scopo a seguito dell’accoppiamento con la femmina.

Infatti, il suo ciclo di vita è solo di qualche settimana, molto più breve rispetto a quello delle compagne.

Quanto sopravvivono le zanzare in Italia?

Nel nostro Paese abbiamo ormai differenti specie di zanzare, e ognuna di queste vanta un ciclo di vita, e una sopravvivenza, differenti.

La specie attualmente più diffusa in l’Italia è la così detta “zanzara tigre” la Aedes albopictus che, originaria delle foreste tropicali sudasiatiche, sta colonizzando larghe Aree del paese, addirittura sloggiando altre specie di zanzara come la  nostrana culex pipiens. La zanzara tigre possiede una adattabilità a situazioni ambientali anche molto diverse ed avverse che le consentono di riprodursi e sopravvivere anche in condizioni dove le altre specie non potrebbero. Può superare i  quattro mesi di vita.

La sopravvivenza della zanzara è influenzata, com’è già stato indicato, da diversi fattori, primo fra tutti la temperatura e l’umidità. In situazioni avverse le uova e le larve della Aedes albopictus possono resistere a lungo in attesa delle situazioni climatiche favorevoli.

Queste zanzare,  ma a che le altre specie meno resistenti e adattabili, possono sopravvivere in autunno e in inverno anche nelle nostre case, nelle cantine e nei garage.

Nel momento in cui le temperature inizieranno a diventare nuovamente più miti e con le prime piogge le uova cominceranno a schiudersi e le sgradite ospiti si ripresenteranno alla nostra porta.

Sarà il momento di intraprendere una accurata disinfestazione mirata alle aree di più facile riproduzione, zone ombrose, umide, garages, ecc. per ridurre  l’aggressiva proliferazione di questi insetti.

Fonti