Perché le zanzare succhiano il sangue?

Chiunque ami stare all’aria aperta a godersi l’estate potrebbe chiedersi perché le zanzare succhiano il sangue, arrivando a rovinare anche la serata più piacevole. Infatti, le zanzare possono essere delle compagne davvero sgradite per molti, e riuscire ad eliminarle, […]

Chiunque ami stare all’aria aperta a godersi l’estate potrebbe chiedersi perché le zanzare succhiano il sangue, arrivando a rovinare anche la serata più piacevole.

Infatti, le zanzare possono essere delle compagne davvero sgradite per molti, e riuscire ad eliminarle, magari con una disinfestazione mirata, può diventare una delle poche soluzioni efficaci.

Tuttavia, prima di arrivare agli interventi risolutivi, potrebbe essere istruttivo capire proprio perché le zanzare si “divertano” a succhiare il nostro sangue.

Perché le zanzare si nutrono di sangue?

Innanzitutto, ci si potrebbe domandare per quale motivo la zanzara decida di utilizzare come nutrimento il sangue, invece di acquisire le sostanze per sostenersi da altre fonti, come accade per la maggior parte degli insetti.

In generale, la zanzara succhia il sangue allo scopo di ricavare da esso le proteine che saranno fondamentali per arrivare al corretto sviluppo delle uova.

Quindi il sangue contiene quelle sostanze nutritive necessarie per consentire alla zanzara la prosecuzione della sua specie.

Tanti non sanno, infatti, che solo le zanzare femmine si occupano si pungere uomini e altri animali allo scopo di succhiarne il sangue: in questo modo la zanzara avrà la possibilità di sviluppare le uova.

Perché le zanzare succhiano il sangue all’essere umano?

Le zanzare succhiano il sangue ad esseri umani e altri animali, ma è certamente vero che noi uomini siamo molto esposti alla loro aggressione per alcuni motivi.

Probabilmente  perché risultiamo più “comodi” in quanto non siamo completamente ricoperti di peli, come la maggior parte degli altri animali a sangue caldo.

Per questo, una zanzara può avere la possibilità di ricercare il punto giusto per mordere e agire indisturbata.

Inoltre, le zanzare trovano molto attraenti alcune caratteristiche dell’essere umano, come l’odore, la sudorazione (visto che la maggior parte degli altri animali non suda) e l’emissione di sostanze come l’anidride carbonica, che viene espulsa col respiro.

Attratta da queste emissioni le zanzare individuano la propria “vittima” scegliendola secondo le proprie preferenze per alcune persone rispetto ad altre.

Quanto sangue succhiano le zanzare?

Una zanzara femmina ha proprio il compito biologico di aggressivamente pungere le vittime e di succhiare il loro sangue.

Inietterà delle sostanze anticoagulanti per evitare di non riuscire a compiere la propria “missione” e cercherà di agire in fretta, ma, allo stesso tempo, di acquisire la quantità di plasma necessaria alla propria sopravvivenza e anche allo scopo di far maturare le uova.

A tal proposito, una zanzara può arrivare a succhiare una quantità di sangue davvero notevole: infatti, esso potrà essere pari anche a due, tre volte il peso dell’insetto.

Ecco perché la zanzara che abbia appena fatto il cosiddetto “pasto di sangue” sarà spesso molto più vulnerabile rispetto ad una che abbia ancora la “pancia vuota”: essa sarà più lenta e meno scattante.

Sicuramente per evitare di essere punti dalle zanzare esistono diversi sistemi, ma uno di quelli più efficaci sarà certamente costituito dalla disinfestazione mirata, grazie alla quale potrete eliminare la maggior parte degli insetti in modo mirato e continuativo nel tempo.