Ecco come le zanzare scelgono chi pungere - iZanz

La primavera è alle porte e, immancabilmente, con essa tornano le zanzare a rovinare le prime piacevoli serate all’aperto. Un fastidio che sembra, però, colpire solo una parte della popolazione perché a tutti sarà capitato di conoscere qualcuno che vi dirà di essere immune a questo tormento stagionale.

Recenti studi hanno dimostrato che non si tratta di casualità. Le zanzare, infatti, operano un’accurata selezione delle proprie fonti di nutrimento, riuscendo a individuare anche a distanza i soggetti che potranno “offrire un pasto migliore”.

Ricordiamo inoltre che solo le femmine di zanzara si nutrono di sangue per poter deporre le uova. I maschi, invece, si alimentano prevalentemente con sostanze zuccherine di origine vegetale come il nettare dei fiori.

Vediamo quali sono le possibili ragioni individuate dalla scienza per cui le zanzare sembrano pungere solo alcune persone:

1 – Il gruppo sanguigno
Secondo una diceria popolare le zanzare pungono chi “ha il sangue dolce”. Non è così, ma recenti studi hanno dimostrato che sembrano prediligere determinati gruppi sanguigni rispetto ad altri. Uno studio del 2004 condotto dal Pest Control Technology Institute ha, infatti, evidenziato che alcune specie di zanzare tra cui la tigre, a parità di condizioni, pungono con una frequenza doppia individui con il gruppo sanguigno 0 rispetto a quelli con il gruppo A. Inoltre, l’85% delle persone secerne una sostanza che indica il gruppo sanguigno e permetterebbe alle zanzare di individuare anche a distanza le prede più appetibili.

2 – Il respiro
Le zanzare sono attratte dall’anidride carbonica prodotta attraverso la respirazione e la traspirazione, che riescono a individuare anche a distanza. Ne consegue che gli individui che producono maggiori quantità di CO2 – come le persone sovrappeso o le donne durante la gravidanza – attirano maggiormente questi fastidiosi insetti.

3 – Sport
L’acido lattico prodotto dopo un’intensa attività fisica attira le zanzare che riescono addirittura a percepirne l’odore. Lo sforzo fisico tende, inoltre, a far aumentare la temperatura corporea e anche questo fattore costituisce una maggiore attrattiva.

4 – Abbigliamento
Le zanzare prediligono i colori scuri o vivaci. Per questo durante i mesi caldi è preferibile indossare abiti coprenti dai colori chiari e neutri.

5 – Microbiotica cutanea
Batteri e funghi – prevalentemente non patogeni – che abitano la nostra pelle ne alterano la chimica e, come dimostrato da un recente studio possono influenzare la scelta predatoria delle zanzare.

6 – Alimentazione
Alcune sostanze ingerite, in particolare gli alcolici, alterano la nostra chimica corporea costituendo un’attrattiva in più per le zanzare. Altri alimenti come l’aglio sembrano, invece, allontanare gli insetti.

Come difendersi dalle punture delle zanzare?

Se rientrate nell’ampio gruppo di coloro che per una ragione o per l’altra attirano maggiormente le zanzare, ma volete godervi il vostro giardino durante la bella stagione non vi resta che proteggervi nel migliore dei modi possibili.

Le buone abitudini sono importanti: limitare il consumo di alcolici, indossare abiti chiari, evitare ristagni d’acqua, nascondere gli odori che attraggono le zanzare con altri che odiano (candele alla citronella, zampironi, ecc.). Per risolvere il problema in modo definitivo, però, è fondamentale dotarsi di un sistema antizanzare efficace, come iZanz, che sfrutta la nebulizzazione automatica a base di piretro o piretroidi – entrambi degradabili alla luce solare – due volte al giorno per creare una vera e propria barriera contro questi fastidiosi insetti e che garantisce la massima sicurezza per la vostra famiglia e i vostri animali domestici.