Le piante che tengono lontane le zanzare

Quali sono le piante antizanzara per il nostro giardino?

Con il ritorno del caldo sono tornate a farsi sentire anche le zanzare, attratte dall’anidride carbonica presente nel nostro respiro ogni volta che ci affacciamo in giardino o sul terrazzo. Come sapete, questi insetti sono estremamente abili quando si tratta di “annusarci” anche a grande distanza, ma questa brutta abitudine può almeno essere messa in difficoltà tramite l’utilizzo di una serie di piante. Vediamo insieme le principali.

Le piante repellenti contro le zanzare

Forse la più conosciuta è la citronella (o lemongrass), una pianta erbacea tipica delle zone calde e tropicali, che forma cespugli di strette foglie verdi. Oltre ad essere molto utilizzata in cucina, dalla pianta si ricava un profumato olio essenziale che viene impiegato anche nella preparazione di candele e torce da accendere in giardino per proteggersi dall’assalto delle zanzare.

La citronella è considerata un’alternativa naturale al dietiltoluamide (DEET) negli spray repellenti, anche se molti studi hanno puntato l’attenzione sul fatto che per essere davvero efficace, la quantità di olio essenziale da utilizzare dovrebbe essere estremamente alta (molto più di quella presente oggi in quasi tutti i prodotti in commercio).

Quindi,  se è vero che le candele profumate hanno un effetto molto gradevole sull’atmosfera, potrebbero non essere sufficienti a tenere a bada le zanzare come ci aspettiamo.

Un’altra pianta antizanzara è il geranio, per la precisione il pelargonium odoratissimum, cioè il cosiddetto geranio odoroso, tipico del Sud Africa e dalle foglie che emanano un aroma pungente. Attenzione, però, perché ad allontanare davvero gli insetti non sono tanto le foglie, che andrebbero sfregate di continuo per rilasciare la propria fragranza, ma, come nel caso della citronella, l’olio essenziale che si ricava dalla pianta.

A complicare la vita alle zanzare è anche l’eucalipto, originario di Australia e Tasmania e che cresce facilmente in tutte le zone temperate. A questa famiglia appartengono, in realtà, moltissime specie di alberi che raggiungono grandi dimensioni e dai quali si ricava un olio essenziale ad elevato contenuto di PMD (o mentoglicolo), che, proprio per questa caratteristica, spesso viene aggiunto a repellenti spray e lozioni in commercio.

Le piante antizanzare che rallegrano il giardino

A spiccare in questa categoria è sicuramente la lavanda, che con i suoi piccoli fiori viola rallegra giardini e balconi (potrete tenerla anche in vaso) a partire dalla fine della primavera. Il suo profumo sembra essere in grado di limitare la presenza delle zanzare, mentre è davvero irresistibile per gli insetti utili tra cui api e bombi.

In questo caso a tenere lontane le zanzare sono le sostanze estratte dai fiori e che sono state analizzate anche in uno studio pubblicato dalla National Library of Medicine in cui si riporta come “l’estratto di fiori di lantana diluito in olio di cocco ha garantito una protezione del 94.5% contro le zanzare del tipo Aedes albopictus e Aedes aegypti per circa due ore”.

Spesso citate come alleate nella lotta alle zanzare sono anche la monarda, l’erba gatta e alcune piante aromatiche come menta, rosmarino e basilico.

E il piretro?

Tutte le piante di cui abbiamo parlato adesso sono molto utili, ma come avete visto in natura hanno un effetto blando perché hanno bisogno di concentrazioni molto elevate di oli essenziali per agire davvero come repellente contro gli insetti molesti tra cui le zanzare.

Possono però essere utilizzate nei prodotti “disabituanti”, ovvero in grado di svolgere un’azione sgradita verso le zanzare grazie a una formulazione che contiene un mix delle essenze di origine naturale che abbiamo citato. Il sistema iZanz può utilizzare questi prodotti, nebulizzandoli anche più volte al giorno lungo il perimetro di sicurezza formato dagli ugelli e permettendo loro di depositarsi su foglie e altre parti delle piante su cui le zanzare cercano riparo.

Se la cosa non fosse sufficiente, a correre in soccorso è un’altra pianta: il piretro (Tanacetum cinerariifolium), una graziosa margheritina da cui si estraggono le piretrine naturali che vengono diluite in acqua (1% piretro – 99% acqua) e impiegate nei sistemi iZanz Mini e iZanz Professional per eliminare le zanzare e salvaguardare, invece, gli insetti utili.